Hummus-di-ceci
L’hummus è un composto cremoso di ceci e tahina molto diffuso nei paesi arabi.
Nella versione verace dovrebbe contenere aglio, succo di limone, cumino in polvere, paprica e la famosa tahina — una crema di semi di sesamo che qui a Roma si può trovare da Castroni o al mercato del quartiere Esquilino. Nella mia versione, deliberatamente mendace, lo preparo semplicemente con succo di limone.

Da anni sono fortemente allergica all’aglio, a tal punto da fiutarlo nell’aria a grandi distanze. La mia cucina e la mia casa sono quindi garlic —ed onion— free.

Ma la cucina italiana è fondata sul soffritto, sull’aglio e la cipolla!
Ed ogni volta che ceno fuori casa, al momento di ordinare, c’è un siparietto con il cameriere, che finge di informarsi in cucina e torna al mio tavolo con l’espressione di chi non ha studiato. Non mi fido mai di quello che mi viene riferito, cerco sul menu la pietanza che mi sembra più innocua e confido nella mia buona stella.

Una cosa brutta delle allergie alimentari è che spesso vengono sottovalutate dalle persone che più ci sono vicine: quante volte i miei genitori hanno cercato di propinarmi i loro manicaretti avvelenati? Quante volte mio marito si offende perchè cerco di pilotare le sue ordinazioni al ristorante? Dove inizia, ma soprattutto dove finisce, la libertà dell’altro, quando si vive in ceciocrazia? Indovinatelo voi :)

Ingredienti:

  • 200 grammi di ceci confezionati di marca buona e nota
  • un cucchiaio di succo di limone
  • paprica dolce o cumino in polvere a piacere
  • olio extra vergine di oliva, sale e pepe qb

E la tahina? Non la uso perchè sospetto un’intolleranza al sesamo, altro allergene che cerco di evitare.

Sciacqua e sgocciola bene i ceci dal loro liquido di governo, raccoglili in un frullatore con un filo d’olio di oliva ed il succo di limone. A piacere, puoi aggiungere un pizzico di paprica e/o di cumino in polvere. Frulla il composto finchè non raggiunge la consistenza di una crema. In mancanza di un frullatore, puoi schiacciare i ceci in un mortaio oppure usare una forchetta: l’hummus sarà più rustico ma altrettanto buono.

Una volta raggiunta la consistenza desiderata, aggiungi un pizzico di sale e pepe e trasferisci l’hummus in una ciotola. Puoi mangiarlo subito oppure lasciarlo raffreddare in frigorifero coperto da un foglio di pellicola trasparente per alimenti. Servito con verdure croccanti è un ottimo antipasto per i pranzi o le cene d’estate in terrazza.

 

Altre ricette da provare