Ogni mattina le guardo e penso alla “Canzone dell’amor perduto” di De Andrè.